Domanda:
È vero che gli scacchi sono generalmente più giocati dagli uomini?
Phonics The Hedgehog
2012-05-03 05:24:29 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho sentito di recente che solo il 5% di giocatori di scacchi interi sono donne. Lo trovo sospetto. Chi dice che solo gli uomini possono giocare a scacchi? Questa statistica è vera e, se lo è, perché?

Se chiedi perché nel corpo, sarebbe meglio metterlo nel titolo. Entrambi "Qual è la distribuzione di genere dei giocatori di scacchi?" e "Perché è così?" Sono due importanti, ma meritano domande separate.
c'è una differenza tra gli uomini che giocano di più a scacchi e le donne che sono in grado di giocare a scacchi, ci sono sicuramente abbastanza donne che giocano a scacchi ad un livello molto alto e il loro numero non farà che aumentare. ci sono anche donne che giocano contro i maschi nei tornei e vincono
Cinque risposte:
#1
+6
Tony Ennis
2012-05-03 05:56:48 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Non so se sia al 95%, ma è vicino.

Perché non ci sono più giocatrici? Probabilmente una combinazione di cose che certamente includono pregiudizi culturali di genere. Le donne possono sicuramente giocare al gioco, ma la cultura americana non sembra premiarle per questo.

Verso il 1990, il mio punteggio di B-player mi avrebbe messo tra le prime 50 giocatrici del paese. Un po 'più tardi, gli Stati Uniti hanno ricevuto molta immigrazione dai paesi dell'ex blocco sovietico. Questo includeva un ottimo numero di forti giocatrici. Posso solo supporre che le loro culture fossero più favorevoli alle donne.

Inoltre, credo che il gioco sia stato inventato come un gioco di guerra da uomini per uomini e come tale probabilmente ha un certo carattere che è meglio apprezzato dagli uomini.

Confronta con Go, un gioco di notevole complessità, che ha un livello molto più alto di partecipazione femminile.

Vorrei poter sostenere la tua ultima affermazione.
I paesi dell'ex Unione Sovietica non sostenevano particolarmente le donne, venivano semplicemente trattate in modo equo
#2
+6
Cleveland
2018-11-05 08:53:54 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Tra i giocatori attivi negli Stati Uniti, circa il 15% sembra essere donne.

Se guardi la classifica su questa pagina, ci sono attualmente 9513 donne attive fuori di 64634 giocatori totali. È il 14,7%.

La mia ipotesi è che la composizione delle giocatrici si inclini più pesantemente verso i junior rispetto alla composizione dei giocatori maschi, ma non ho trovato alcun numero su questo. Dico questo perché ho visto più giocatrici ai tornei scolastici da bambina di quanto non ne vedo ora ai tornei aperti da adulto.

#3
+5
Nikana Reklawyks
2012-11-30 22:43:06 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Gli scacchi tendono a impersonare la guerra . Nessuno dice che le donne non sappiano combattere, ma di solito è considerata un'attività più maschile¹, non credi?

Sono molto curioso dell'aspetto del "perché", ma questo probabilmente richiede molto di psicologia socio-psicologica non sono abbastanza esperto in materia e probabilmente non sono nemmeno ancora molto conosciuto².

Per le statistiche reali, immagino che scrivere script su un database di valutazioni FIDE non sarebbe troppo difficile, probabilmente anche menzionato nella sezione introduttiva di Women in Chess .


¹ E poiché l'umanità ha inventato le armi, la forza fisica non è un vantaggio maggiore nella guerra IRL rispetto a OTB, quindi non lo definirei un motivo.
² Non per menzione lontana dallo scopo di questo sito.

#4
+5
Brian Towers
2018-12-28 19:38:01 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Recentemente ho sentito che solo il 5% di giocatori di scacchi interi sono donne.

Nel 2018 questo è certamente falso. Le statistiche dalla classifica FIDE di novembre 2018 indicano che ci sono 668785 giocatori attivi di cui 99325 sono donne. Si tratta di un tasso di partecipazione femminile di circa il 15%.

Aggiornamento gennaio 2020 : Le statistiche dalla classifica FIDE di gennaio 2020 indicano che ci sono 771484 giocatori attivi di cui 120065 sono femmine. Questo è un tasso di partecipazione femminile di circa il 15,6%.

Le statistiche dalla lista FIDE di maggio 2012 (quando hai scritto questa domanda) sono che erano 87538 giocatori attivi di cui 7226 erano donne. Si tratta di un tasso di partecipazione femminile dell'8,25%. Quindi, anche quando hai scritto questa domanda, il tuo numero era impreciso.

La grande differenza tra maggio 2012 e oggi in termini di valutazione FIDE è che le cifre attuali includono anche rapid e blitz e anche l'Arena online della FIDE per gli scacchi online. La valutazione FIDE di rapid e blitz è iniziata solo con l'elenco di luglio 2012 ed è cresciuta enormemente da allora. Credo che l'Arena online FIDE sia iniziata solo alla fine del 2015.

Un altro fattore influenza anche le cifre ed è che l'impostazione predefinita FIDE quando viene registrato un nuovo giocatore è di sesso maschile. Se la federazione che effettua la registrazione non specifica il sesso, il giocatore viene registrato come maschio. Questo ovviamente introduce distorsioni nelle figure. Va notato che la FIDE ha compiuto grandi sforzi in tempi più recenti per ripulire i propri dati e correggere gli errori. I dati FIDE più recenti sono più accurati dei dati precedenti.

Ora non so da quale federazione vieni, quindi la tua cifra potrebbe essere accurata per la tua federazione anche se nel complesso è imprecisa.

Le cifre variano enormemente a seconda della federazione e non necessariamente nel modo in cui potresti immaginare (a meno che non ascolti Jordan Peterson).

Guardando il tasso di partecipazione femminile (100 x giocatrici attive / giocatrici attive per federazioni con 100 o più giocatori attivi), queste 10 federazioni si trovano in fondo alla lista dall'elenco di maggio 2012 -

Ceco Repubblica - 4% in Spagna - 3,9% in Svezia - 3,8% in Nepal - 3,4% in Italia - 3,3% in Finlandia - 2,6% in Belgio - 2,5% in Svizzera - 2,3%
Irlanda - 2,1%
Danimarca - 1,5%

Ed ecco i primi 5 della lista di maggio 2012 -

Vietnam - 39,1%
Georgia - 33,7%
Cina - 31,2%
Ecuador - 23,8%
Azerbaigian - 23,6%

Ecco i dati corrispondenti dall'elenco di novembre 2018 (limitato alle federazioni con 1000 o più giocatori attivi: circa 10 volte il numero di giocatori attivi, quindi aumenta il filtro "rumore" di 10 volte).
Primi i primi 10 -

Svezia - 6,3%
Israele - 6,3%
Svizzera - 5,9%
Argentina - 5,3%
Paesi Bassi - 4,8%
Norvegia - 4,8%
Finlandia - 4,4%
Irlanda - 4,2%
Danimarca - 2,7%
Libia - 0,9%

E i primi 5 -

Mongolia - 41,9%
Emirati Arabi Uniti - 35,6%
Sri Lanka - 34,0%
Vietnam - 32,5%
Malesia - 28,3%

Chi lo dice solo gli uomini possono giocare a scacchi?

Nessuno lo dice e le statistiche certamente non lo dicono neanche. Quello che suggeriscono è che gli uomini vogliono giocare a scacchi molto più delle donne. Laddove le donne hanno una scelta più ampia di che tipo di cose possono fare, come nei paesi scandinavi, sembra che molte di più abbiano cose migliori da fare con il loro tempo che giocare a scacchi ;-).

PS È un peccato che non ci sia una federazione internazionale del lavoro a maglia che pubblichi dati che potremmo utilizzare per estrarre i tassi di partecipazione maschile al lavoro a maglia.

NB Per chiunque sia interessato ai dati grezzi, la FIDE pubblica dati dei file di valutazione che risalgono al 2001. Per i dati prima del 2001 c'è il sito Olimpbase, ma i loro dati sono molto "sporco" e richiederà molto lavoro per eliminare / unire i duplicati e correggere dati ovviamente falsi prima che possano essere utilizzati.

#5
+4
Apocatastasis
2012-12-05 06:57:24 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Nonostante tutte le affermazioni femministe, non è culturale, ma biologico. Nei paesi in cui si suppone che la cultura sia più favorevole all'uguaglianza nelle attività (come l'URSS), i maschi sono di gran lunga relativamente predominanti negli scacchi, come negli Stati Uniti. È lo stesso con le carriere. Non ha fatto molta differenza ora che l'ingegneria, ad esempio, è da molto tempo un campo accessibile alle donne. La maggior parte di loro preferisce semplicemente di più le attività sociali. Come dice Desmond Morris, i cervelli di uomini e donne lavorano in modo diverso l'uno dall'altro. Ciò non implica alcuna inferiorità, semplicemente ci sono attività più adatte agli uomini e attività più adatte alle donne. Per esempio. la dislessia è quasi interamente un problema per gli uomini, non per le donne.

* Io * penso che ci sia un po 'di biologia, e lo spiegherei per uno squilibrio di 70-30. Penso che la realtà 95-5 sia in gran parte dovuta alla cultura ([le stesse ragioni per cui molti maschi non giocano a scacchi] (http://chess.stackexchange.com/a/768/672), solo molto peggio per le donne), quindi ho un voto negativo per "nonostante tutte le affermazioni femministe". Cosa intendi per "quasi un problema"?
Ciao Apocatastasis, post interessante. Per curiosità, conosci degli studi scientifici in tal senso? Potrebbero non esistere, ma sono curioso di saperne di più su alcuni dei punti che hai sollevato. Benvenuto nel sito!
Per esempio http://www.sciencedaily.com/releases/2005/12/051201165615.htm
Per quanto riguarda la dislessia vedere http://www.utsandiego.com/uniontrib/20040428/news_1n28dyslexia.html


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...